Articoli

Le Edizioni Menabò al Buk festival di Modena

Edizioni Menabò alla fiera Buk di Modena

La casa editrice Menabò parteciperà con un proprio stand alla fiera Buk della Piccola e Media editoria che si svolgerà il 18 e 19 febbraio a Modena al Foro Boario.
 Buk Festival della piccola e media editoria è una manifestazione ideata da Francesco Zarzana, sotto la direzione generale di Rosita Pisacane e organizzata dall’associazione culturale Progettarte. Nasce con l’intenzione di dare spazio e voce alle centinaia di piccoli editori italiani e non solo, che ogni anno presentano a Modena la loro ricca offerta culturale.

In occasione della Fiera le Edizioni Menabò presenteranno sabato 18 febbraio alle ore 16.30 (Sala Martino) l'ultima novità editorale “Se invano è bella la notte” la raccolta di poesie di Ahmad Shamlu uno dei più grandi poeti persiani, pubblicata per la prima volta in traduzione italiana curata Esmail Mohades. 

All’incontro parteciperanno l’editore Gaetano Basti e il traduttore e curatore dell’opera Esmail Mohades.

"Ecco il poeta, sta dietro una quinta e suggerisce la necessaria frase a chi si ritrova visitato dall'annunciazione" lo descrive così Erri De Luca che firma la prefazione dell'opera di Shamlu Alef-Bamdad. 

A parte i grandi nomi della poesia classica persiana, da Ferdowsi (935-1025) a Hafez (1315-1390), che con la forza autentica della loro poetica e soprattutto con la loro visione hanno attraversato il tempo, buona parte dei poeti classicisti si è dovuta limitare ad elogiare il potere e il loro valore si è perso nello scorrere degli anni. La poesia moderna del Novecento invece nasce dalla contaminazione con le problematiche sociali che investono tutti i ceti e Shamlu ne è il più importante rappresentante. Egli, oltre ad occuparsi degli aspetti della vita reale, compone l’elegia dei sogni infranti del popolo, celebra gli eroi che si battono per realizzarli e la sua voce epica sa diventare anche sussurro di ogni animo che intenda amare.

Shamlu, già candidato al Premio Nobel, sino all’ultimo giorno della sua vita (muore a Karaj nel 2000) deve combattere contro la censura, che ha proibito la pubblicazione delle sue opere. Di Shamlu, oltre alle varie raccolte di poesie scelte, sono stati pubblicati 17 volumi di poesie.

Opera colossale è il Ketab-e kucheh, “Il libro del vicolo”, l’enciclopedia della lingua e della cultura folcloristica persiana nella cui ricerca e conoscenza Shamlu si è impegnato con passione costante.