Tutto su turismo, cultura e ambiente
Accedi Registrati

Accedi

Il carrello è vuoto
Il carrello è vuoto

Pane dell'uomo pane di Dio. Sacralità identità collettiva e antropologia del cibo nell’Abruzzo antico e loro persistenza nelle tradizioni popolari religiose

copertinaweb.jpg
18,00 €   15,30 € cad.

Dettagli

Maria Concetta Nicolai
2015
224
9788895535661
Non c'è festa popolare abruzzese in cui il cibo non abbia un posto d'onore. Arrosticini, porchetta, lupini e vino rosso sono ciò che resta dei sacrifici e delle offerte con cui le tribù italiche celebravano i loro Dei. Nelle sagre brulicanti e chiassose di oggisi consumano da secoli riti e liturgie che hanno una sostanza immutata, ma ai più sconosciuta.
Ricondurre gli arrosticini agli extra arrostiti per Eracle e la porchetta alla porca sacrificata alla divinità femminile lunare è la parte più ammiccante del testo che, sulla base di un lungo studio, approfondisce la relazione del cibo con il Sacro nelle diverse culture religiose, presenti e passate e "si presenta non soltanto come libro di antropologia, di folklore o di cucina arcaica: esso svela le prime mosse del misterioso, originario processo che tiene insieme quel che siamo con quel che conosciamo, e getta luce su come facciamo a conoscerlo" (Dalla postfazione di Franco Farinelli).



In edicola

Iscriviti alla newsletter!