Tutto su turismo, cultura e ambiente
Accedi Registrati

Accedi

Il carrello è vuoto
Il carrello è vuoto

Cari figli benedetti. Epistolario abruzzese 1915-1920 dal Fronte orientale e da Fiume

Cari figli benedetti. Epistolario abruzzese 1915-1920 dal Fronte orientale e da Fiume
15,00 €   12,75 € cad.

Dettagli

Lucia Scoccia
2015
260
9788895535722
L’epistolario della famiglia Mancinelli, ritrovato dall’autrice, Lucia Scoccia, per un fortunato caso, può fornire un chiaro esempio dei valori che spinsero i giovani del 1915 (o almeno una parte di essi)  a partecipare con passione e impegno alle battaglie sul fronte austriacoe, dopo la vittoria e la cocente delusione che ne derivò, a seguire con “fede assoluta” Gabriele d’Annunzio a Fiume. 
Attraverso le lettere affettuose che il vecchio padre dal paesino di Crecchio in Abruzzo inviava ai tre figli e quelle ricche di emozioni che i figli scrivevano a lui e alla sorella è possibile ripercorrere in maniera precisa le varie fasi che hanno caratterizzato gli avvenimenti militari e sociali dell’Italia dal 1915 al 1920, e quindi comprendere anche aspetti che la macrostoria spesso non spiega. Il libro è impreziosito dalle foto della stampa e delle cartoline di quel periodo storico che riportano agli stilemi grafici e artistici dell’epoca, alla propaganda governativa, alle graffianti ironie di cui si nutriva la lotta politica in quei giorni. E' possibile verificare direttamente l’uso, già nel 1920 con d’Annunzio, di alcuni motti di cui poi si impossessò Benito Mussolini. Uno tra tutti "Eia Eia alalà".