Tutto su turismo, cultura e ambiente
Accedi Registrati

Accedi

Il carrello è vuoto
Il carrello è vuoto

Dieci anni di Corpo

Le attività culturali stanno riprogrammando le loro modalità di fruizione ormai sempre più spesso online, in un momento così difficile in cui la distanza ci impedisce di vivere quegli spazi di arte ai quali eravamo abituati.

Tra essi il festival CORPO dedicato alla performance e live art, a cura di Ivan D’Alberto e Sibilla Panerai (con l’organizzazione di CAPPA - Centro di Archiviazione e Promozione della Performing Art di Pescara e il patrocinio della Fondazione Pescarabruzzo) che quest'anno compie 10 anni e che sarà fruibile soltanto online sul sito www.cappaperformingart.com e sul canale YouTube di CAPPA (@Cappa Performing Art).  Dal 29 al 31 maggio infatti, saranno visibili per la prima volta una selezione di video-performance realizzate dal 2011 ad oggi da Marco CasolinoMandra CerroneFrancesca FiniNicola Fornoni, Kyrahm e Julius KaiserGiovanna Lacedra, Francesca LolliRuben Montini e Noema Pasquali.

Il Festival, da sempre legato alla promozione dei linguaggi performativi e sensibile alla ricerca dei giovani performer, propone inoltre tre performance online, seguite da live talk con gli artisti visibili sul canale YouTube di CAPPA.

Si comincia quindi venerdì 29 maggio alle ore 19,00 con Andrea Matarazzo e la performance 6.9, che unisce segno e gesto per ricostruire il movimento devastante di quei novanta tragici secondi di terremoto che distrussero l’Irpinia il 23 novembre 1980.

Sabato 30 maggio alle ore 19 Gianmaria Victor De Lisio presenta la performance To Seles - sales - (re)solved, una riflessione sul rapporto tra il trauma e le sue conseguenze fisiche ed emotive, in omaggio alla tennista Monica Seles, aggredita alle spalle durante una partita di torneo ad Amburgo.

Il festival si conclude domenica 31 maggio alle ore 21.30 con la performance di Franco Spina Il circo della mosca, dichiarazione di un non-sense esistenziale in cui l’artista, seduto a una tavola vuota, subirà una metamorfosi di kafkiana memoria, riflettendo sull’alienazione dell’uomo contemporaneo, isolato dagli altri e oppresso dalle imposizioni esterne.

Il festival ha come partner la galleria YAG/garage, il Florian - OIKOS Residenza per Artisti e il Liceo MIBE di Pescara.

  • 1103
Devi effettuare il login per inviare commenti

In edicola

Iscriviti alla newsletter!