Tutto su turismo, cultura e ambiente
Accedi Registrati

Accedi

Il carrello è vuoto
Il carrello è vuoto

Inaugurato il MAXXI a L'Aquila

Nel settecentesco Palazzo Ardinghelli sapientemente restaurato dal MiC i lavori realizzati da 8 protagonisti della scena artistica contemporanea dialogano con oltre 60 opere tra le più iconiche della Collezione nazionale del MAXXI nella mostra PUNTO DI EQUILIBRIO. Pensiero spazio luce da Toyo Ito a Ettore Spalletti

La nuova sede del MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo domenica 30 maggio 2021 apre le sue porte al pubblico con una grande mostra, un programma di visite gratuite su prenotazione e tante iniziative realizzate insieme alle istituzioni del territorio che da subito ne animeranno la vita, tra cui incontri d’artista, attività educative, corsi di formazione, progetti di committenza.

Il progetto è stato presentato oggi a L’Aquila dal Ministro della Cultura Dario Franceschini, cui si deve la prima felice intuizione di dotare L’Aquila di un polo per le arti contemporanee: “La rinascita dell’Aquila passa anche attraverso la cultura e l’apertura della nuova sede del MAXXI segna una giornata importante per il nostro Paese. Il sapiente restauro e il nuovo allestimento di Palazzo Ardinghelli, reso possibile anche grazie all’importante contributo della Federazione Russa, diventerà uno dei simboli della rinascita di questa comunità gravemente ferita dal sisma che sta vedendo nell’arte, nella musica e nello spettacolo fondamentali alleati nella ripartenza”. All'evento inaugurale hanno partecipato anche Giovanna Melandri, Presidente Fondazione MAXXI; Bartolomeo Pietromarchi, Direttore MAXXI L’Aquila e MAXXI Arte; Margherita Guccione Direttrice MAXXI Architettura; Hou Hanru, Direttore Artistico MAXXI; Pietro Barrera, Segretario generale del MAXXI.

 

 La collaborazione con le istituzioni del territorio sarà alla base delle politiche culturali di MAXXI L’Aquila. Sono già stati avviati i primi progetti di residenza e committenza d’artista che prevedono, oltre alla produzione di nuove opere, incontri, laboratori, approfondimenti. Con il MunDA – Museo nazionale d’Abruzzo e la sua direttrice Maria Grazia Filetici sono stati avviati i progetti con i Masbedo e Claudia Pajewski che reinterpreteranno in chiave contemporanea alcuni elementi iconici del Castello Spagnolo dell’Aquila, sede storica del Museo che progressivamente tornerà a ospitarlo.

Con il Gran Sasso Science Institute e con l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare – Laboratorio del Gran Sasso è in corso la committenza fotografica ad Armin Linke.  

Dichiara il sindaco dell'Aquila, Pierluigi Biondi: “Cultura e bellezza sono due elementi fondanti della città dell'Aquila, che caratterizzano in maniera strategica il processo di rinascita in atto. L'inaugurazione del MAXXI aggiunge un prezioso tassello al dinamico e complesso mosaico che si sta ricomponendo a seguito del sisma 2009: una realtà inclusiva e originale, in sintonia con l’identità del capoluogo d'Abruzzo. Questa giornata testimonia che la forza propulsiva della cultura non è stata soffocata dal coronavirus. Il MAXXI ha scommesso sull’Aquila, questa terra l’ha abbracciato con calore e sincera accoglienza. Il mio ringraziamento va a quanti hanno contribuito al recupero di Palazzo Ardinghelli, restaurato grazie al generoso contributo della Federazione Russa, e a chi ha creduto, lavorato e operato affinché quest’ora di festa finalmente arrivasse".

Nella mostra inaugurale PUNTO DI EQUILIBRIO. Pensiero spazio luce da Toyo Ito a Ettore Spalletti,  a cura di Bartolomeo Pietromarchi e Margherita Guccione, 8 nuove produzioni site specific dialogano con oltre 60 opere tra le più iconiche della collezione pubblica nazionale di arte architettura e fotografia del MAXXI e con gli spazi barocchi del Palazzo, dalla corte allo scalone, dalla cappella alle sale espositive del piano nobile, come a sondare il potenziale del nuovo museo e capire come sviluppare al meglio il rapporto tra le opere, gli spazi storici dell’edificio e la città.

 “Questa mostra che inaugura MAXXI L'Aquila è dedicata a Ettore Spalletti – spiega Bartolomeo Pietromarchi –. Il punto di equilibrio è uno statement: ha un significato etico ed estetico, politico e sociale. In un periodo di grandi sconvolgimenti, di emergenze, drammi, incertezza, confusione, l’arte ci aiuta a ritrovare un punto di equilibrio, una stabilità esistenziale. La mostra svela innanzi tutto uno spazio prima sconosciuto, dove le opere entrano in punta di piedi, silenziose e con rispetto del luogo, della sua storia passata e recente, e si connettono con il palazzo, l'intera città e il paesaggio che la circonda per immaginare altri equilibri tra le forze che governano il mondo.

Nella programmazione futura, sarà dedicata particolare attenzione all’arte italiana nel contesto globale”.

Sottolinea Margherita Guccione: “Nelle sale di Palazzo Ardinghelli si snoda il percorso in cui le opere, in risonanza con i nuovi spazi museali, inducono a riflettere sul valore e il significato di “equilibrio” inteso sia come principio fondante dell’architettura che, idealmente, come punto oltre il quale spingersi verso nuove visioni” guardando all’architettura e al paesaggio del futuro”.

Cuore dell’esposizione, le opere site-specific commissionate a Elisabetta Benassi, Daniela De Lorenzo, Alberto Garutti, Nunzio ed Ettore Spalletti che, insieme alle committenze fotografiche a Paolo Pellegrin e Stefano Cerio dedicate al territorio aquilano e al progetto dell’artista russa Anastasia Potemkina prodotto in collaborazione con la V-A-C Foundation di Mosca, abitano il palazzo. Queste opere interagiscono con i lavori di grandi protagonisti dell’arte, dell’architettura e della fotografia italiana e internazionale provenienti dalle collezioni del MAXXI, tra cui Alighiero BoettiMonica Bonvicini, Maurizio Cattelan, William KentridgeMaria Lai, Piero Manzoni, Liliana Moro, Maurizio NannucciGiulio Paolini, Michelangelo PistolettoAllora & Calzadilla e Juan Muňoz, Yona Friedman, Superstudio Toyo ItoIwan Baan e Gabriele Basilico, solo per citarne alcuni. 

Sono già sold out i primi 4 giorni di visite gratuite in anteprima, da domenica 30 maggio a mercoledì 2 giugno organizzati per festeggiare l’apertura del nuovo museo. MAXXI L’Aquila sarà ufficialmente aperto dal 3 giugno dal giovedì alla domenica (orari: giovedì 15.00 – 19.00, venerdì - domenica 12.00 – 20.00) con ingresso gratuito per gli abitanti di L’Aquila e dell’Abruzzo per tutto il 2021. Per tutta la durata della mostra Punto di equilibrio ogni sabato e domenica le visite saranno arricchite da un servizio di mediazione culturale a cura dell'Ufficio Educazione e dell'Ufficio Formazione del MAXXI, che rende la visita al museo un’esperienza attiva e partecipata, con gli studenti dell’Accademia di Belle Arti e del corso di laurea in Beni Culturali dell'Università dell'Aquila.

Tra gli appuntamenti in programma a Palazzo Ardinghelli, a giugno e luglio ci saranno quelli del palinsesto Libri al MAXXI, realizzato con il sostegno di BPER Banca. Tra i protagonisti: Costantino D’Orazio (25 giugno), Valerio Valentini (26 giugno), Franco Arminio (1 luglio), Chiara Valerio (2 luglio).  

Tanti gli appuntamenti d’arte che si terranno dopo l’estate, come l’omaggio al maestro Ettore Spalletti con la proiezione del docufilm di Alessandra Galletta Sempilcemente Ettore Spalletti, gli incontri con Elisabetta Benassi e Paolo Pellegrin e il Festival della Performance in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti, con la presenza tra gli altri del coreografo e danzatore Virgilio Sieni e di Alessandro Sciarroni con il Collettivo Cinetico.

Grande attenzione a formazione e didattica: oltre al workshop Città come cultura che si terrà a L’Aquila in estate, dedicato ai professionisti del settore e allo sviluppo sostenibile dei territori, si svolgeranno al MAXXI L’Aquila anche 2 dei corsi di alta formazione MAXXI KNOW HOW organizzati dal museo e rivolti a giovani professionisti per creare competenze nei i mestieri dell’arte: Progettare l’effimero (iniziato già a maggio) e Narrare con la fotografia (ottobre).

Il 24 giugno si svolgerà un workshop dedicato a Maria Lai, rivolto agli studenti dell'università e dell'accademia aquilane e ai mediatori del nuovo museo, nell'ambito del progetto Maria Lai. Los diarios del alma realizzato grazie al sostegno dell’Italian Council della DG Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura.

Gli studenti delle Scuole Secondarie di secondo grado del capoluogo abruzzese saranno inoltre protagonisti, da settembre, di una nuova edizione aquilana di MAXXI A[R]T WORK, il Percorso per le competenze trasversali e l'orientamento organizzato in collaborazione con la Camera di Commercio del Gran Sasso d’Italia.

MAXXI L’Aquila

Piazza Santa Maria Paganica 15, L’Aquila Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | www.maxxilaquila.art
Apertura: giovedì (ore 15.00 – 19.00), venerdì, sabato e domenica (ore 12.00 – 20.00)
Biglietto: 7 Euro intero, 5 Euro ridotto; ingresso gratutito per aquilani e abruzzesi fino al 31 dicembre 2021 e per i possessori della membership card myMAXXI

 

 

  • 640
Devi effettuare il login per inviare commenti

In edicola

Iscriviti alla newsletter!