Tutto su turismo, cultura e ambiente
Accedi Registrati

Accedi

Il carrello è vuoto
Il carrello è vuoto

Il culto di San Sebastiano

Foto di Gino Di Paolo

Il culto di San Sebastiano si diffuse in tutta Europa a partire dal IV secolo grazie al suo potere miracoloso contro i mali morali e fisici, ed era strettamente connesso con l'antica immagine di Apollo, come protettore contro le epidemie; i santuari dedicati a San Sebastiano erano collocati lungo le principali vie di comunicazione e ospitavano i pellegrini e i malati che imploravano anche San Leonardo e San Rocco.


San Sebastiano, che è stato in gran parte adorato in Abruzzo anche fra le corporazioni dei commercianti e degli artigiani, nato a Milano nel 262, si trasferisce a Roma per iniziare la sua carriera militare sin da quando era molto giovane; si dedicò alla predicazione, all’aiuto dei cristiani perseguitati, e favorì le conversioni al cristianesimo, ma fu accusato di tradimento e, dopo essere stato legato ad un palo, divenne bersaglio di frecce da parte dei soldati imperiali.
Il Santo fu salvato da Irene, una santa matrona romana successivamente, dopo aver rimproverato Diocleziano e Massimiano per la crudeltà contro i cristiani, fu frustato fino alla morte e sepolto a Roma; la leggenda del soldato romano convertito al cristianesimo che è morto come un martire è diventato l'icona latina di un nuovo eroe si è unito al culto pagano del Sol Invictus.

Il culto di San Sebastiano è diffuso in molti centri abruzzesi ma festeggiato in particolare nel paese di San Sebastiano dei Marsi nella piccola frazione di Bisegna.

L’articolo completo è stato pubblicato sulla rivista D’Abruzzo inverno 2016 n. 116
Compra
Abbonati

  • 135
Altro in questa categoria: « La festa dei serpari a Cocullo
Devi effettuare il login per inviare commenti

In edicola

Iscriviti alla newsletter!